La pagina nera

Penso che alcuni di quelli che mi leggono abitualmente, visitando questo blog abbiano visto tra ieri e oggi una pagina nera.

Non era un malfunzionamento, ma era la precisa volontà del sottoscritto di esprimere il proprio stato d’animo. Era anche un segno di lutto verso la morte del Papa, inteso soprattutto come persona, come colui che ha più volte chiesto scusa per tutto ciò che ha combinato la Chiesa in questi ultimi duemila anni. Colui che più di tutti è stato vicino agli uomini e ai giovani in particolare.

Non sarai dimenticato così facilmente.
Addio

Related Posts:

  • Nessun post correlato