Fight@AIDS

fight@aids logo

In prossimità della giornata mondiale sull’AIDS, è nato un progetto di grid computing, o comunque ne è arrivata voce pure in Italia (dove è rinomata la lentezza pachidermica nello sviluppo di qualsiasi progetto), che si propone di studiare nuovi farmaci per trovare una cura alla malattia del secolo scorso.

Il funzionamento è esattamente analogo a quello del fratello più famoso, Seti, il che vuol dire dover scaricare un software che funzionerà come screen saver o rimarrà sempre attivo in background, utlizzando le risorse CPU non sfruttate dagli utenti.

Devo dire che a primo acchitto il layout grafico non è male, però mi sembra impieghi troppo tempo per elaborare una wu (working unit).
Certo dipende anche e soprattutto dalla capacità di calcolo del proprio pc, ma a dispetto di un sistema minimo da loro dichiarato, posso dire che sul mio 3000+ con 1GB di RAM dopo 3ore di attività ancora non era giunto nemmeno al 50% dell’elaborazione…

Related Posts:

  • Nessun post correlato