14/07/1970 – 14/07/2007

Da quando è nata la Repubblica italiana (1861), Reggio Calabria è stata l’unica città che storicamente si sia ribellata allo stato delle cose, allo stato di questa politica che da troppo tempo è marcia dentro, allo stato delle decisioni di gente che nulla ha a che fare con il popolo.

Abbiamo fatto sentire la nostra voce, abbiamo eretto barricate, abbiamo creato delle Repubbliche autonome (vedi la Repubblica delle Sbarre), ci siamo autogestiti fin quando non ci hanno mandato i carri armati per sedare la nostra voglia di libertà. Ciò che ha contraddistinto la nostra rivolta, rispetto a quanto avvenne negli anni 70 a Roma, Bologna e Torino è che nessuna vetrina fu infranta. Il popolo reggino non se la prese con sè stesso, eresse barricate, bruciò macchine è vero, ma l’unico obiettivo erano le istituzioni ree di aver preso per il culo la città intera per l’ennesima volta, eleggendo Catanzaro a capoluogo di Regione, stabilendo in Cosenza la sede ufficiale dell’Università della Calabria e dandoci come contentino la sede del consiglio regionale (che paradosso!!!).

Parlo al plurale, è vero, ma purtroppo è un plurale maiestatis: non c’ero, non ero nemmeno nella mente di dio. Sulle barricate c’era mio nonno , c’era mio padre a guardare con i suoi occhi l’ennesimo scempio che subimmo ad opera di altri. C’erano gran parte dei genitori di gente conosco, amici o meno, e c’erano gran parte degli amici dei miei genitori. Tutta la città ha collaborato per raggiungere un fine comune: la libertà!

Related Posts:

  • Nessun post correlato