Accenture Technology Solutions

Come tutti i bravi neolaureati, anche io sono stato contattato da Accenture (reparto Technology Solutions).

Sono andato al colloquio per farmi un’idea relativamente alle voci che girano su quest’azienda e, a grandi linee, mi sento di confermarle. Credo mi abbiano chiamato perchè un amico mi ha inserito nel loro sistema di reclutamento – fatto sta che avevo il colloquio oggi alle 3.

Arrivo puntualissimo (chi mi conosce, dubito ci crederà, ma tant’è … ), se non che la signora all’accettazione (a mò di ospedale) mi fornisce un malloppo di fogli e carte da firmare e compilare.

Già sul questionario ho avuto qualche perplessità – quanta prolissità! Tutte informazioni che potevano ottenere molto più semplicemente facendo compilare un form online (e che comunque avevo già compilato, sempre online, una volta inserito nel loro sistema). Dopo circa 40 min. di attesa, iniziavo già a dare i numeri – poco serio far attendere un candidato così tanto senza nemmeno uno straccio di scuse.

Quando stavo già alzandomi per andare via, arriva questo personaggio che, preso dalla fretta, mi conduce velocemente nel suo studio molto spartano, ma molto molto ordinato. Dopo avermi fatto aspettare un tempo inaccettabile per chi si vanta di essere “Accenture”, mi dice di avere un altro impegno alle 4 – per cui restavano solo 20min per fare questo colloquio informativo.

Molto velocemente mi spiega cosa sia Accenture (ovviamente dal loro punto di vista) e mi chiede maggiori informazioni sul mio precedente [o attuale, non si capisce] impiego. Fattisi le 4, mi congeda – altri impegni attendono il super mega manager Accenture (che già aveva rinviato il colloquio, causa impegni improrogabili).

Mi resta una grossa delusione ma, allo stesso tempo, la conferma che Accenture è esattamente ciò che dicono sia. “Noi siamo stra-fighi, noi siamo i migliori, noi siamo Accenture”, bla bla bla

Related Posts:

Ed il governo cadde …

20:43 – 24/01/08

Il senato sfiducia il governo.

Ora si aprono una serie di scenari. Scontate le dimissioni di Prodi – il capo dello stato potrebbe anche rifiutarle.

E’ comunque scandaloso che dei senatori della repubblica [delle banane] stappino bottiglie di champagne: 1) chi paga la pulizia di sto scempio? 2) un pò di decoro ci vorrebbe, visto e considerato che è un momento tristissimo per tutti. Ed è altrettanto scandaloso ciò che è successo oggi pomeriggio: sputi e botte – odiano tanto gli ultras, ma i senatori non si comportano poi tanto diversamente!

Per loro: perchè non avendo raggiunto i 35 mesi di governo, non possono usufruire della pensione. E perchè, non essendo ancora ad aprile, non possono mettere mani sui cda delle più grosse controllate dello stato (povero prodi).

Per noi: pagheremo nuove elezioni per vecchie persone, per l’ennesima volta. Continueremo a farci prendere in giro, chinando sempre e comunque il capo.

Staremo a vedere …

ps: notare che Andreotti non si è presentato in aula …

Related Posts:

Gli Amici

Periodo di riflessioni …

Ho sempre reputato l’amico, quello vero, un’entità un pò unica nell’universo umano. L’amico è quella persona che c’è ma che, allo stesso tempo, non c’è. L’amico è quella persona che, a prescindere dalla quotidianità del rapporto, è pur sempre presente nella nostra vita.

Seppur ritenendomi un lupo solitario, nella mia pur breve vita ho avuto la fortuna/sfortuna di incrociare in questa lunga strada, tante anime, tutte molto diverse tra di loro. Chi troppo egoista, chi troppo altruista, tutti, indistamente hanno fatto parte della mia vita. In certi momenti, coincidenza vuole siano stati quelli più bui, alcune di queste anime le ho reputate davvero amiche.

In verità oggi mi dico che eravamo e siamo tutti un’unica grande comitiva. Persone che si incontrano, si amano e si mollano in unico grande circo che è la vita. Gli Amici veri sono quelli che oggi mi sono lontani, ma anche se vicini risultano essere lontani. Lontani perchè nella vita tutto inevitabilmente cambia, tutto si modifica, è un continuo evolversi verso il mistero della vita che ci attende.

Probabilmente è arrivato il momento di cambiare, con un segno netto ed indelebile, ciò che ero ieri per diventare ciò che sarò domani.

A prescindere da tutto, mi chiedo se sia meglio fottere, piuttosto che essere fottuti. Di fregature ne ho avute tante e tutto ciò che mi resta è una profonda sfiducia nel genere umano. Non credo potrò mai fidarmi al 101% di qualcuno, perchè questo qualcuno sarà sempre un pò troppo egoista per il mio altruismo cosmico. Perchè questo qualcuno sarà posto, un giorno, davanti ad una scelta e, probabilmente, o forse è giusto che sia così, sceglierà per il proprio bene

Related Posts:

Mastella crea la crisi di governo … e ora?

Se n’è andato … il mastellone nazionale ha lasciato la traballante zattera prodiana.

Adesso o rimpasto di governo o elezioni?

Nel caso in cui ci sia un rimpasto credo sia difficile che il governo duri, non avendo la maggioranza al Senato.
Nel caso in cui siano nuove elezioni, mi chiedo se il popolo italiano sia pronto a dimostrare il suo essere stanco, il suo non poterne più di questa classe politica.

Dubito succeda.

Risalirà Berlusconi. I giornalisti reinizieranno a romperci la devozione, con le leggi ad personam, Berlusconi si fotte i soldi, ecc. ecc. E si reinizierà daccapo – come in un unico grande gioco, dove il cane morde la propria coda.

Related Posts:

Quanto vale BEA?

Dopo l’acquisizione di MySQL AB da parte di SUN, leggo sul blog di Ugo Cei che Oracle avrebbe trovato un accordo per l’acquisizione di BEA.

Valore dell’operazione? 8,5 miliardi di $.

Con questo colpo, si costituirebbe un bel colosso Oracle/Bea che darebbe filo da torcere allo strapotere di IBM (NetWeaver+SAP).

Related Posts:

Aggiornare il proprio sito web tramite Subversion

Per qualsiasi svilupattore, l’uso dei CVS è di fondamentale importanza. Non solo ed esclusivamente per questioni di backup dei sorgenti, ma anche e soprattutto nel caso in cui egli lavori in team con altri sviluppatori.

Jess Skinner ci lascia un howto davvero utile su come poter aggiornare il proprio sito web tramite Subversion.

Personalmente, è già da qualche mese che uso questo sistema per tutti i siti web che sviluppo e mi trovo molto bene, perchè evita di dimenticare di aggiornare determinati files. Tuttavia ha il grosso difetto che lo spazio occupato sul disco raddoppia, in caso sia sotto versioning – (svn tiene all’interno delle directories nascoste .svn, tutte le informazioni e le copie relative ai files sotto controllo di versione).

Related Posts:

Appello per licenziare Guarini e gli altri 67

Leggo che sul blog di pluralisti è comparso un appello, sotto forma di raccolta firme, per chiedere le dimissioni dei 68 professori della Sapienza firmatari di quella famosa lettera che ha provocato (ma su questo punto avrei grossi dubbi) la non venuta del Papa nell’Università Romana.

Non mi capacito di come il popolo italiano possa perdere tempo dietro a tante fesserie, quando invece ci sono problemi molto più gravi all’orizzonte. Perchè invece di fare un appello del genere, non proponete un appello per consentire di andare a licenziare tutti quei professori che con la loro inettitudine e con la loro immoralità (anche noto come baronismo) stanno distruggendo quel poco che resta della gloriosa Università italiana? Oppure ancora, perchè non proponete in massa la cacciata del Parlamento con conseguente tabula rasa dell’attuale classe politica?

Troppo difficile da pensare?

Sinceramente questa storia ha stufato – ci sono cose molto più importanti di cui occuparsi.

Related Posts:

Addio Bobby

Bobby Fischer Bobby Fischer ci ha lasciato. Inutile commentare la triste notizia della scomparsa di uno dei più grandi campioni di scacchi di tutti i tempi. Mitiche, e per certi versi storiche, le sue partite; fantastica la sua vittoria contro il russo Sparssky (che lo rese il primo campione del mondo americano)

(fonte gazzetta.it)

Related Posts:

Mastella, la Casta e … Dante

Oggi Mastella si è commosso durante la sua conferenza stampa, ricordando come fosse giovane sua moglie, emigrata, quando la conobbe – ragazzo sbarbatello in viaggio premio degli zii. Che bel quadretto familiare.

Oggi Mastella ha confermato ciò che disse ieri sera a Matrix, cambiando leggermente toni. Oggi sfida tutti i giornalisti degni di questo nome – sottintendendo che siano pochi – a trovare prove che dimostrino che l’UDEUR non abbia più vizi morali di altri partiti. Già la frase di ieri, mi ha lasciato abbastanza scosso, questa mi ha ricordato un passo dell’Inferno di Dante.

Il vate scriveva:

A vizio di lussuria fu sì rotta
che libito fè licito in sua legge,
per torre il biasmo in che era condotta.
Ell’è Semiramís, di cui si legge
che succedette a Nino e fu sua sposa:
tenne la terra che ‘l Soldan corregge.

Per chi non lo sapesse, Dante si trova nel girone dei lussuriosi, coloro che in vita furono vinti dalla passione. Nei versi citati, fa riferimento a Semiramide, regina degli Assiri, sposa di Nino cui succedette al trono e che promulgò una legge che autorizzava l’incesto, di modo da giustificare le sue stesse perversioni sessuali.

Come la Semiramide dantesca, la casta politica, oggi, applaude chi lancia ferme e gravi invettive contro la magistratura, rea di avergli arrestato la “povera” moglie (sì, sempre quella del Columbus Day da 900mila euro). Come la Semiramide dantesca, Mastella ed i suoi colleghi, oggi, adottano la tattica difensiva del “mi sento una persona per bene, quantomeno quanto altri miei colleghi” (discorso alla Camera di qualche giorno addietro) per giustificare i loro reati, i loro torti ed i loro vizi lussuriosi a spese dei contribuenti italiani.

Sì, sig. Mastella noi crediamo nella magistratura. Nella magistratura pulita: non quella pagata dalla mafia o dalla ndrangheta per coprire certi delitti; nè in quella pagata da voi politici o dalla Chiesa cattolica per coprire certi altri reati (diciamo così …). Le chiedo: possibile che in soli 5/6 mesi si siano sbagliati così tanti magistrati sul suo conto (ad iniziare da De Magistris)??

Rimango allibito: un politico già non dovrebbe fare il politico se in odore di reato, pensiamo poi come faccia a fare il ministro della GIUSTIZIA con plurime accuse di concussioni che gli piovono da ogni dove.

Ah scusate, dimenticavo che viviamo nella repubblica dove un certo andreotti, condannato per mafia (e poi caduto in prescrizione), siede comodamente al Senato e decide, tuttoggi, del destino di questo staterello grazie al suo voto da senatore a vita!

(in collaborazione con Nunzia Calderazzo)

Related Posts:

Mastella mette sempre tutti daccordo

La capacità politica di quest’uomo è davvero al di fuori di ogni comprendonio. Quando si muove lui, si riesce sempre a trovare un punto di comune accordo.

La repubblica delle banane, anche nota come Repubblica italiana (o seconda Repubblica Italia se preferite), è nota per il suo “non essere mai daccordo”: dalla guerra in Afghanistan a quella in Iraq, passando per la legge elettorale, senza dimenticare la legge sull’aborto, i pacs, i dico, la lotta alla ‘ndrangheta, il problema rifiuti e chi più ne ha più ne metta, è stato ampiamente dimostrato durante tutto l’anno solare 2007 (finanche in principio di 2008).

Eppure è sufficiente che il ministro di giustizia (o sua moglie) venga inquisito per l’ennesima volta, che, d’un tratto, tutti gli schieramenti politici si trovino daccordo nel dargli man forte, contestando apertamente il potere giudiziario. La casta dei politici si rivolta alla categoria dei magistrati. Credo che una cosa del genere sia davvero ravvisabile solo ed esclusivamente in quei paesi dell’america latina, noti con il nome di “Repubblica delle banane”.

Ed è scandaloso come il quarto potere, di orwelliana memoria, non abbia coscienza ed obiettività critica per affermare come sia scandaloso che un ministro si dimetta per un motivo tanto grave e che, oltretutto, le sue dimissioni vengano rifiutate dall’attuale capo del governo. Dove arriveremo?

Mastella già in passato era riuscito ad evitare un’accusa, più o meno pesante, nei suoi confronti, da parte di De Magistris – avocandone il processo. Oggi pare si sia stufato di far uso del proprio potere per manipolare la magistratura e cosa decide di fare? Si dimette … Giustissimo direte voi – ebbene sì! E’ sacrosanto. Ciò che non è sacrosanto è che Prodi rifiuti le dimissioni. Ciò che non è sacrosanto è che tutti i politici, siano essi di destra o di sinistra (esclusi comunisti italiani e seguaci di Di Pietro a cui va tutto il mio sostegno), mandino messaggi di supporto all’oramai ex ministro “integerrimo”.

Si perchè lo stesso Mastella, questa sera a Matrix, intervenendo in diretta telefonica ha sostenuto di essere “una persona per bene, o comunque per bene tanto quanto altri suoi colleghi”. E cosa vorrebbe dire? Che hai la coda di paglia?

Chiudo, citando il libro la “Casta”, che già un anno fa, citava in 4 distinte pagine, la signora Mastella per viaggi davvero poco onerosi verso gli stati uniti in occasione del Columbus Day. Viaggi costati alla deleritta Campania, oltre 900 mila euro (si perchè la signora sentendosi sola, portò con se oltre 400 persone, quale delegazione).

Ah, e a proposito della Campania: mettetevi l’anima in pace. O continuate la rivolta violenta o con questa “botta” data al governo, sarà difficile che lassù si ricorderanno più di voi (adesso saranno troppo impegnati nel passare i prossimi mesi ad ipotizzare scenari per evitare le elezioni, per modificare la legge elettorale, ecc. ecc.)

Related Posts:

Quanto vale MySQL?

Da molti sottovalutato, in favore dei più blasonati SQL Server, Oracle e DB2, da altri stra-lodato (soprattutto nella comunità opensource).

Di oggi, la notizia secondo la quale Sun avrebbe acquistato l’azienda produttrice Mysql AB. Costo dell’operazione? 1 miliardo di dollari.
Mica male 🙂

(via zdnet)

Related Posts:

Sulla visita del papa alla Sapienza

Incredibile ma vero: gli studenti della Sapienza sono riusciti a bloccare l’apertura dell’anno accademico da parte del papa.

A mia memoria, la Chiesa non subiva uno smacco di questo tipo da anni (se non decenni) – ed era pure ora che succedesse. La vita socio-politica di questo paese è talmente permeata dal volere della chiesa, che far aprire l’anno accademico al papa sarebbe stato davvero il colmo.

Poi, i sig. berlusconi e prodi, invece che rilasciare certe dichiarazioni, farebbero bene a vergognarsi per ciò che sta succedendo in Campania (non doveva essere risolto il problema entro 24 ore?) e per la sudditanza al volere della chiesa (vedi legge sull’aborto). Perchè non si vergognano della situazione dell’università italiana? Hanno idea dei problemi e di come venga condotta la didattica alla Sapienza?

Per l’ennesima volta, il mondo politico italiano dimostra di vivere una realtà tutta propria e completamente diversa rispetto a quella vissuta dal popolo. Un plauso, quindi, a tutti gli studenti della Sapienza che sono riusciti a far annullare questa visita

Related Posts:

Arra .. Pato

Ieri ha esordito Pato.

Ci hanno fracassato i gioielli di famiglia con la storia di questo 18enne, atteso dal Milan oltre ogni modo. Lui sosteneva di poter segnare almeno un gol (se non due) al Napoli – ed effettivamente ci è riuscito.

In linea generale, ciò che mi ha stupito è che un ragazzino di 18 anni non ha avuto alcun timore reverenziale rispetto al gigantesco San Siro. Ricordo perfettamente quando ci andai per la prima volta in trasferta (probabilmente era il 2001): appena saliti gli ultimi gradini, vidi le immense torri e la curva del Milan e mi iniziarono a tremare le gambe per la maestosità della visione.

Certo si è mangiato due gol mostruosi (uno di destro e successivamente uno di sinistro), però ha un tiro ed una velocità pazzesca. Se non lo bruciano, ci sarà da divertirsi a guardarlo giocare per almeno un decennio.

In bocca al lupo Pato.

Related Posts:

Il regalo di inizio anno

Ieri mi chiama mia sorella e, tra l’incazzato ed il disperato, mi dice: “ci hanno rubato la macchina” … Essendo una vecchia Lancia Y, dubitavo che qualcuno potesse effettivamente averla rubata .. visto però che la polizia municipale di Bologna sosteneva di non averla sequestrata (non so, magari lavavano le strade), mia sorella fa una telefonata ad amici carabinieri e scopre che la macchina era, invece, sotto sequestro dal 1° gennaio perchè coinvolta in un incidente …

Ancora non si sa molto, se non che la macchina è distrutta. Distrutta da qualche pazzo ubriaco la mattina del 1° gennaio. Pare che nell’incidente siano state coinvolte altre 7 macchine ed un pedone (finito all’ospedale). Ora mi chiedo: se mi fate una multa, cari vigili urbani, mi inseguite fino a casa per comunicarmelo. Se invece mi distruggono la macchina, non fate nemmeno uno straccio di telefonata (non dico per forza a mia sorella, ma quantomeno all’assicurazione).

Spesso accusano i calabresi di vivere troppo nella cosiddetta “comparanza” – eppure se non fosse stato per amicizie varie non avrei, forse, mai scoperto questo fatto assurdo.

Ultimo commento: chi ha provocato l’incidente, pare sia scappato. Visto che la polizia non è riuscita in 10 giorni a ritrovarti caro mio, fai conto che in qualche modo risalirò a te … e poi saranno cazzi tuoi …

ps: l’incidente è avvenuto alla fine di via del Borgo di S. Pietro, davanti la chiesa – giusto perchè, nel caso in cui qualcuno sappia, può comunque contattarmi tramite il blog o inviarmi una mail.

Aggiornamento: Ecco la prima foto della macchina.

foto incidente

Relativamente all’incidente, si sa che è stato un camionista che, alle 9.15 del 1° gennaio, ha investito un pedone (marocchino – scomparso, ed il cui referto ospedaliero non è mai stato consegnato alla polizia) per poi successivamente finire sulla macchina in foto e su altre 5 parcheggiate di fianco e dietro. Nemmeno nei migliori action-movie americani…

Related Posts:

Blog Down

Finalmente online!

Un grazie a Stefano per aver ripristinato il servizio (pare ci sia stato un attacco su uno dei server del datacenter dal quale proviene il mio ip pubblico). Le scuse a Maurizio, Vito e Marco per il disservizio sono dovute – tanto più che essendo in viaggio è stato molto complicato ripristinare il tutto

Related Posts:

La diga sul Menta

La diga sul mentaApprovato nel 1979 dall’Ufficio Acquedotti della Cassa per il Mezzogiorno, anche grazie allo stanziamento di circa 65 miliardi delle vecchie lire, la Diga del Menta rappresenta, oggi, uno dei più grossi e tipici sprechi italiani.

Una inchiesta condotta da “ilGiornale”, “scopre” (che poi mi dovrebbero spiegare per quale oscura ragione questa incredibile scoperta arriva con 30 anni di ritardo) che l’unico corso d’acqua che dovrebbe consentire di riempire la diga, cioè la fiumara Amendolea, non ha la portata necessaria per riuscire a colmare la più grande diga a terrazze di tutta Europa.

Già, ma ho omesso di dire che, ad oggi, la diga in questione (una delle 36 che lo Stato da 30anni cerca di costruire – 10 di queste, in Calabria), ci è costata la bellezza di 270 milioni di euro (circa 550 miliardi). Per cui il costo si è praticamente decuplicato, se ricordiamo che il costo iniziale era di 65 miliardi. Questo grazie alle lotte della ndrangheta, minacce, politici mangia-soldi e chi più ne più ne metta.

Il giorno di Natale la mia vicina del primo piano mi ha fermato, lamentandosi di non avere acqua a casa. E questo è un problema che affligge tutta la città – l’acqua manca; dove c’è l’acqua, poterla bere dal rubinetto come avviene a Roma, Bologna, ecc. ecc. è praticamente un LUSSO. Questo a causa della fatiscente rete idrica della città che perde circa il 50% della sua portata. Allora, perchè non spendere quei 300 milioni di euro per rifare l’intera rete idrica, invece di costruire una diga che, anche grazie al saggio intervento dei Verdi, non potrà mai essere realizzata?

La diga sul Menta

Related Posts:

Il 2008

E’ arrivato il 2008 – ed inizia laddove l’avevamo lasciato.

Lo scorso anno è stato l’anno della “casta” – grazie all’altrettanto famoso libro la gente dovrebbe aver “aperto” gli occhi sulle persone che ci governano (e forse il VDay di Beppe Grillo avrebbe dovuto dare una mano in tal senso).

E’ stato l’anno delle parole: mai come nel 2007 si è parlato così tanto e fatto così poco. Inutile ripetere gli argomenti, li trovate da qualche parte in questo blog e comunque basta accedere ai propri ricordi.

Il 2008 riparte con tante parole in soli due giorni. Innanzitutto il nostro presidente del consiglio si ricorda che qualcuno, circa un mese fa, disse che gli spagnoli ci avrebbero superato in quanto a potere economico. Valeva la pena rispondere subito? Sicuramente era troppo impegnato a mangiare o a sguinzagliare la moglie contro i propri oppositori. Fatto sta che scopriamo che in realtà siamo nettamente pià ricchi degli spagnoli e che siamo pieni di soldi (ottimismo di berlusconiana memoria) – mah, a me non pare, ma non faccio il politico per cui forse è per questo che io tutti questi soldi proprio non li vedo.

Eppoi oggi esce la parola “aborto”. In uno stato finto-laico come l’Italia, si sa, la politica la fanno i preti e non i politici. Per cui oggi è stato proposto di andare a modificare la legge 194 che, per chi non lo sapesse, è la legge che regola l’aborto. Bene: adesso parleremo 10 giorni di aborto, fino a quando qualche altra mente illuminata non tirerà fuori qualche altro tormentone.

Anno nuovo … vita vecchia!

Related Posts: