Tunnel ADSL: terzo reclamo

Ieri ho ricevuto un sms in cui Telecom Italia S.p.A. mi comunicava di un appuntamento con i tecnici per giorno 27 giugno.
Approfittando della situazione, ho chiamato il 187; scopro, quindi, che il tecnico non ha segnalato alcunchè, in merito ai problemi verificatisi ieri mattina.

Ho quindi deciso di sporgere il terzo, ennesimo reclamo.

ps: Nessuna novità riguardo le tempistiche di attivazione

Related Posts:

Tunnel ADSL: la linea 74 – le comiche Telecom – il consumatore non conta nulla

Le comiche proseguono.

Arriva il tecnico telecom, monta tutto … va in centrale … Torna dopo un’ora e afferma: la linea 74, quella del doppino di casa mia, non appartiene alla centrale Tiburtina, ma alla centrale di Pietralata. Per cui ora, devono riassegnarmi un nuovo numero di telefono, riprogrammare un nuovo intervento del tecnico e io intanto sto BUTTANDO SANGUE.

Ricapitolando:
1. Sottoscrivo un contratto a Fastweb (29 aprile);
2. Arriva il tecnico Telecom e si inventa che ho il canale del doppino ostruito (affermazione non vera);
3. Richiamo Fastweb che richiama Telecom;
4. Arriva il tecnico Telecom che afferma la mancanza di linee disponibili e che Telecom non ha interesse a passare una nuova linea;
5. Disdico il contratto a Fastweb;
6. Sottoscrivo un contratto a Telecom (Alice ADSL);
7. Dopo due appuntamenti saltati e conseguenti reclami, scopro tramite il 187 che l’operatrice ha sbagliato ad assegnarmi il numero di telefono, perchè la mia via non appartiene alla zona di Pietralata ma a quella di Tiburtina;
8. Mi assegnano un nuovo numero di telefono;
9. Oggi si presenta il tecnico che afferma che non appartengo alla centrale di Tiburtina ma a quella di Pietralata e la colpa è del 187;
10. Chiamo il 187 che afferma che la colpa è dei tecnici che non aggiornano correttamente la banca dati.

disarmante

Related Posts:

Roma: i debiti dell’AMA

Per chi non è di Roma, l’AMA è la società atta a raccogliere i rifiuti.
Riporto una notizia interessante:

Se i conti dell’Ama sono in rosso, ecco forse una probabile spiegazione. Ai danni dell’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti di Roma c’è una gigantesca evasione, oltre 500 milioni compresi oneri e interessi di mora. Una cifra superiore nove volte al capitale sociale. E a far mancare una grande fetta degli importi dovuti – 66 milioni che raddoppiano se si tiene conto delle sanzioni per il ritardato pagamento – sono gli enti pubblici.

Nella lista dei grandi evasori della tariffa sui rifiuti compaiono tutti i ministeri (pure quelli soppressi), la Presidenza del consiglio, la Direzione nazionale antimafia, la Prefettura, la Procura generale e la Corte d’appello, la Scuola tecnica della Polizia, la Legione territoriale dei Carabinieri, la Marina Militare, l’Inps, l’Università Gregoriana e il Pontificio istituto Biblico. Il primo posto spetta però alla Fao, che da sola deve ben 5 milioni 337mila euro al netto delle sanzioni. Le Nazioni Unite sostengono tuttavia che l’onere del pagamento spetti all’Italia in quanto nazione ospitante.

(via 06blog.it)

Purtroppo il sito linkato da 06blog non riconduce alla notizia che, ove confermata, sarebbe davvero “particolare” … già particolare …

Aggiornamento: ecco il link dal quale è stato tratto l’articolo.

Related Posts:

Monteleone vs Galati

Recupero dalla rete questo filmato di 20min, illuminante su come funziona per chi vuole parlare ed esprimere le proprie opinioni in questo paese:

Pensieri sparsi in merito.

Prima di ogni altra cosa mi viene da sorridere pensando alla figura di Pierferdinando Casini. Una campagna elettorale incentrata sullo scontro contro tutti e tutti: contro Berlusconi, contro Veltroni, contro questo o quel politico. Eppure è quasi esilarante pensare al numero di politici, presenti nelle dell’UDC ed indagati per malaffare, mafia, ndrangheta ed in generale reati di collusioni, interna o esterna, con associazioni criminali di stampo mafioso (penso subito a Cuffaro, ma non posso dimenticare tutti i politici del lametino o del catanzerese).

Non conosco personalmente Antonino Monteleone, nè tantomeno l’on. Galati, nè conosco direttamente la storia (ne ho seguito gli stralci leggendo questo o quel blog). In una situazione del genere, non mi va di prendere posizione al fianco dell’uno o dell’altro, ma per natura personale diffido della politica, dei politici e di tutto ciò che ruota intorno a loro.

Mi fa sorridere, e spero sia questo l’intento di Antonino, la domanda sul sentirsi lasciato solo sia dai sindacalisti sia dall’Ordine dei Giornalisti. Provengo da una famiglia di imprenditori e so bene, proprio per esperienza diretta, che i sindacalisti piuttosto che cercare di difendere in ogni sede e luogo i lavoratori, preferiscono difendere il loro potere, la loro posizione, spesso a discapito dei lavoratori stessi.

Per cui quello che mi sento di rispondere ad Antonino è di non sperare che venga mai difeso da qualcuno, se non dalla gente comune, come me e tanti altri blogger. Il potere è potere, fa girare soldi e la società odierna è palesemente e gravemente assoggettata al dio danaro.

Mi spiace solo che nel filmato, o comunque in rete, non ci siano altre testimonianze sulla motivazione dietro la recente chiusura del suo blog.

Related Posts:

Firefox 3: interessante miglioramento sul salvataggio password

Una delle novità più interessanti apportate da Firefox in fase di navigazione dei siti web, è stata la possibilità di salvare le password dei siti con accesso riservato. Password che venivano, vengono e verranno gelosamente conservate all’interno del proprio profilo (perso quello … addio password).

Firefox 3 presenta un’interessante novità: al contrario di quanto succedeva nella precedente versione, la finestra con i 3 tasti (“ricorda”, “non adesso”, “mai per questo sito”) è diventata una barra che compare con un gradevole effetto fade.

E’ interessante notare che mentre prima era una finestra “modale”, nel senso che bisognava per forza di cose effettuare una scelta per poter andare avanti, adesso è una richiesta non intrusiva che consente di tentare e ritentare l’inserimento di login/password, di modo da andare a salvare la password corretta.

Related Posts:

Tunnel ADSL: continuano le comiche

Altra telefonata al 187 (la terza da stamattina) – ovviamente ulteriori notizie che saltano fuori.

Il succo della sostanza è che in fase di attivazione del servizio, l’operatrice pugliese, che ha preso i miei dati, mi ha assegnato un numero di telefono relativo ad una centrale Telecom non della mia zona (per la precisione: mi ha assegnato alla centrale Telecom di Pietralata invece della centrale Telecom di Tiburtina). E’ banale et superfluo affermare che l’ho dovuto scoprire telefonando in prima persona al 187 …

Durante l’ultima telefonata ho anche scoperto che mi hanno assegnato un nuovo numero di telefono ed un nuovo appuntamento per il 27 giugno.

Stay tuned

Related Posts:

Tunnel ADSL: altro appuntamento mancato

Oramai è un’abitudine.

Dovevano arrivare oggi i tecnici Telecom per attivare la linea (tra le 8.30 e le 9.30) … il tempo passa, questi non arrivano. Mi preoccupo, chiamo il 187, 20minuti di attesa – pace …

Alla fine riesco a parlare con un’operatrice (inizio a odiare pure quelli del call center). Mi dice che Telecom non ha possibilità di contattare i tecnici, per cui non mi sa dire se vengono o non vengono. Motivo? Boh, non si sa. Mistero.

Ma è normale? E’ NORMALE?? Normale è che io stavolta li denuncio … potrò non avere internet a casa, ma a costo di morirci dietro, di finire sotto un ponte, li porto in tribunale. MALEDETTI

Related Posts:

Camorra: risolti tutti i problemi

Che bello .. ora che lo Stato ha dato tutti questi ergastoli, il problema Camorra è risolto .. ora si …

Ora non comanderanno più, costretti come sono, ad avere vitto e alloggio gratuito a spese nostre per tutta la loro esistenza.
Ora non verrà più distribuita droga e spazzatura in giro per la Campania e per l’italietta.
Ora non verranno più edificati palazzi su palazzi, colate di cemento su colate di cemento al solo scopo di riciclare soldi.

e meno male che Roberto Saviano era lì presente … un pò di pr-aggio fa sempre bene, per non far dimenticare chi è.

Related Posts:

Tunnel ADSL: novità per chi vuole cambiare operatore

Premessa: vale solo per chi è già utente ADSL e volesse cambiare operatore (non per chi si trova, come me, in attesa di attivazione della linea telefonica).

Fino a venerdì scorso, se un utente Tele2, ad esempio, voleva passare a Fastweb, doveva per forza di cose disdire il suo contratto a Tele2 e tornare a Telecom per, poi, sottoscrivere un nuovo contratto verso l’operatore preferito. Un giro tutto italiano.

Da venerdì, invece, sarà possibile il passaggio diretto senza passare al monopolista Telecom.

Un altro problema che si presentava era di restare senza linea in attesa della disdetta dal proprio operatore (ovviamente Repubblica parla di “settimane”, io parlo di “mesi”). Pare che adesso questo non dovrebbe più verificarsi.

(via repubblica.it)

Related Posts:

Firefox 3: problemi di visualizzazione

Il nuovo motore Gecko 1.9 presenta dei “problemi” [se così si può dire] relativamente alla visualizzazione di determinati elementi nei siti web.

Ad esempio, questo stesso blog, presenta una serie di tab sull’header – tab che, in Firefox 2 e Internet Explorer 7, risultano essere disposti all’estrema destra. Firefox 3, invece, li visualizza all’estrema sinistra.

Ancora: il sito dev.live.com risulta completamente “distorto” nella sua visualizzazione (prima in una sorta di forma tabellare, ora in una sorta di lista disposta verticalmente).

Related Posts:

Nokia n73: addio batteria tampone

Doveva succedere, prima o poi era inevitabile.

Dopo gli innumerevoli problemi, prima legati al tasto verde, poi al gps che non si agganciava più (grazie ad una scriteriata operazione di nokia) e poi ancora al tasto verde, da un paio di giorni il mio n73 mi chiede ora e data ad ogni riavvio del cellulare.

Il problema è noto: pare sia la batteria tampone dell’n73 ad essere impazzita.
Soluzione: portare il cellulare ad un nokia point per la correzione del problema (aka: sostituzione della batteria tampone).

Ovviamente viste le mie esperienze passate, ho il terrore di portarlo in assistenza: se oltre ad essere senza internet, dovrei stare anche senza cellulare (unica mia fonte attuale di comunicazione ed interazione verso il mondo esterno), sarebbe la mia fine.

Aggiornamento: maggiori dettagli qui.

Related Posts:

Firefox 2 e Firefox 3 sullo stesso pc

Ecco i passaggi da seguire per poter mantenere la doppia installazione di Firefox 3 e Firefox 2.x sullo stesso pc, senza che una versione del browser vada ad “intaccare” l’altra. Essenzialmente si tratta di creare un nuovo profilo e, successivamente, associarlo ad una specifica versione.

Per cui:

1. Creare un nuovo profilo, lanciando il comando: firefox -profilemanager -no-remote;
2. Installare Firefox 3;
3. Modificare il link per l’avvio di Firefox 3 con il seguente comando: firefox3 -P nomeProfilo -no-remote;

A questo punto, Firefox 2.x sarà associato al profilo di default, mentre Firefox 3 è associato al profilo “nomeProfilo”.

(via blog.codefront.net)

ps: primo post da Firefox 3 😉

Related Posts:

Avviso Cartella Esattoriale: Avv. Egidio Baldassarri

Ricevo questa mail:

Roma, 30 Maggio 2008

Con la presente si comunica che dai risconti di questo Dipartimento di Esattoria la Cartella
002 200400330768173 di euro 655,20 č stata pagata oltre la scadenza (come da allegato).

Il pagamento della cartella unica delle tasse effettuato oltre la scadenza, per il periodo dal
1 Aprile al 30 Aprile, č gravato del 5% di pene pecunarie (art.3 legge 16 Maggio 1983 n. 77).

Rimane quindi un debito di euro 32,76 che potrŕ essere saldato direttamente presso i nostri
uffici o con bonifico bancario con i dati giŕ in Vostro possesso.

La invitiamo, altresě, a verificare l’estratto conto allegato e, qualora fosse in disaccordo, di
contattarci presso i Nostri uffici.

Nel rimanere a disposizione per ulteriori chiarimenti, č gradita l’occasione per porgere distinti
saluti.

Dipartimento Esattoria
il Vice Reponsabile
Avv. Egidio Baldassari

Nettamente spam – anche a causa delle lettere accentate (quantomeno usate una tastiera italiana).
Inutile scrivere e consigliare di non aprire l’allegato.

Related Posts:

Lungo er Tevere

Il bello di Roma è questo: esci,con la scusa del compleanno di Marco (augurissimi!!) e girovagando per la città, destinazione Trastevere, scopri che ha aperto l’annuale manifestazione “Lungo er Tevere”.

Bell’allestimento, molto più lungo e corposo dello scorso anno. Si possono trovare idee di marketing molto interessanti (di cui parlerò in un altro post) ma anche tutta una serie di chioschetti con pouff e divanetti dove sorseggiare un cocktail lungo il Tevere.

Bella l’atmosfera, ieri sera c’era anche un bel pò di gente per essere lunedì (non oso immaginare cosa ci sarà durante il weekend).
Unico neo i prezzi: stratosferici (4¤ una bottiglia Heineken da 33cl – 5¤ per un panino stile “Aristocampo” – 5¤ per una crepes nutella e cocco).

Related Posts:

Tunnel ADSL: le comiche

Nuovo aggiornamento: avevo scritto la settimana scorsa circa l’attivazione del servizio ALICE fornito da TELECOM stessa.
Mi avevano contattato via sms tre giorni fa, confermandomi l’appuntamento per oggi tra le 10 e le 11.
Mi avevano ricontattato ieri mattina alle 9.30 confermando l’appuntamento per oggi.

Dopo due ore di attesa chiamo il 187 e scopro che la TELECOM ha deciso unilateralmente di spostare l’appuntamento al 20 giugno: nessun avviso in merito.

Ho sporto reclamo. Mi dicono che dovrei essere ricontattato entro 20giorni, dopo che TELECOM ha capito se effettivamente sia in torto o meno (e chi ci crede? sicuramente inventeranno qualche scusa). A quel punto potrò essere risarcito.

In tutto questo, mi ero preso la mattinata libera da tutti i miei impegni lavorativi. Ore di lavoro non pagate che nessuno mi risarcirà mai.

Sto valutando di sporgere denuncia.

Related Posts:

Blog sequestrato: il caso Monteleone

Non tutti forse conosceranno Antonino Monteleone … è un blogger, un blogger di Reggio Calabria sul quale è appena calata la mannaia della giustizia italiana venerdì pomeriggio.

Quella giustizia che preferisce cucire la bocca a chi ha le palle per dire le cose come stanno, invece di occuparsi di “fatti” più seri.

Piccola sintesi della storia: nel luglio 2007 viene oscurato l’intero blog perchè Antonino Monteleone viene querelato dall’On. Galati per aver scritto delle sue abitudini poco eticamente corrette. Vinta la causa, il blog torna visibile ed Antonino prosegue la sua attività di blogger fino ad una nuova querela, questa volta ad opera di un non meglio specificato consigliere comunale. L’assurdità sta nel fatto che questa querela non è stata ancora notificata mentre il blog è stato oscurato.

Mi trovo daccordo con Vittorio Pasteris quando afferma che forse era il caso di oscurare il post incriminato, piuttosto che oscurare tutto.

Il problema resta: in questo paese la libertà di parola è uno strumento effimero, come l’accendersi e spegnersi di un cerino. Se ti chiami Silvio Berlusconi, Romano Prodi, Clemente Mastella e compagnia cantando, o se tra i tuoi amici annoveri politici, boss e gente potente in genere, allora avrai tutta la libertà di cui vorrai disporre. Se invece ti chiami Antonino Monteleone, Piero Ricca o Francesco Biacca, beh allora puoi dire, parlare e scrivere solo relativamente a ciò che ti dicono possa venir scritto o detto.

Related Posts:

Condannate le Iene

Leggo in calce (per non dire in fondo in fondo) al sito del Corriere della Sera che le Iene sono state condannate per aver fatto il test antidroga sui parlamentari.

In un primo momento la condanna era di 5 mesi e non so quanti giorni, poi hanno fatto ricorso adducendo che non avevano violato la privacy di alcun deputato/senatore, successivamente hanno perso il ricorso ma la condanna è diventata pecuniaria (immagino pagherà mediaset).

Non commento la condanna delle Iene nè entro nel merito che in questo paese è sempre più valido che “La legge NON è uguale per tutti”. Mi avrebbe però fatto piacere se il giudice avesse chiosato con un “seppur ammettendo che in questo paese ci sono 16 parlamentari, sui solo 50 testati, risultati positivi a sostanze illegali”.

Ma tant’è …

Related Posts:

I coglioni di Buffon

Siamo Campioni del Mondo, o forse lo erano gli 11 scesi in campo nel 2006.
Perchè gli 11 che hanno giocato ieri sera, hanno fatto ridere i polli.

Iniziando da Barzagli, finendo a Di Natale (devi per caso venderti al miglior offerente? mi sembravi al supermercato dei procuratori) passando per Ambrosini e Camoranesi, abbiamo visto un scempio mai verificatosi nella mia seppur breve memoria calcistica.

Onore a Buffon: non era facile chiedere scusa. Si dimostra per quello che è: il migliore al mondo, dentro e fuori dal campo!

Related Posts: