Roma e l’AMA specchio dell’Italia di oggi: Andrini a capo dell’AMA

A chi non è di Roma o, comunque, non vive nella città eterna, poco interesserà sapere che sono cambiati i vertici dell’AMA. Forse risulta un attimo più interessante se amministratore delegato diventa un ex-naziskin (e poi sulla parola ‘ex’ bisognerebbe pure discuterne).

Il sindaco Alemanno ha nominato AD di AMA Stefano Adrini, che per chi non lo sapesse è la società che gestisce la raccolta rifiuti in 40 comuni del Lazio. Ma cosa avrà mai fatto il sig. Adrini per nominarsi questa nomina? Non è dato saperlo, se non per il suo curriculum criminale:

condannato a 4 anni e mezzo per tentato omicidio di due giovani di sinistra nel 1989; arrestato per l´assalto a un concerto antirazzista alla Sapienza nel ´94 quando gli sequestrarono in casa «una pistola e un tirapugni»;

  • Detentore del sito web degli Irriducibili della Lazio, gruppo ultras di estrema destra;
  • Condannato a 4 anni e mezzo per tentato omicidio di due giovani di sinistra (1989);
  • Arrestato per un assalto al concerto antirazzista alla Sapienza (1994) – gli sequestrarono, contestualmente, anche una pistola ed un tirapugni

Questa è l’italia. Soldi onestamente non se ne fanno.
Più hai la fedina penale sporca, più hai possibilità di salire nella casta sociale della repubblica delle banane.

via 06blog
via roma.repubblica.it

Related Posts: