Bentornato a Roma

Appena metto piede sul GRA, una lunghissima fila di auto sulla corsia di sorpasso – corsia a destra completamente sguarnita, a parte un camion.

Uscita v.le togliatti – roma est: procedo a circa 60km/h sulla corsia di destra, in un secondo vedo spuntare una smart grigia che mi taglia la strada per poter uscire sulla togliatti (non ho fatto a tempo a prendere il numero di targa).

Lascio la macchina parcheggiata davanti casa, leggermente fuori posto – un auto sarebbe passata agevolmente – giusto il tempo di posare borsone e borsa del pc e riuscire. Passati questi 10 secondi, esco e noto il camion dell’AMA fermo; chiedo alla signora seduta lato passeggero “non passa?” e lei: “se m’a sposti” (con aria incazzata) ed io “se hai pazienza un attimo”.

A reggio ho lasciato l’incredibile sensazione di avere il tempo di poter fare qualsiasi cosa volessi, oltre che la sensazioni che le giornate fossero lunghissime (mentre qui non mi pare mai di avere tempo a sufficienza).

Della serie, bentornato a Roma.

Related Posts:

Partire e non sapere quando si arriva

Partito ieri pomeriggio verso le 17.30 da Roma, sono arrivato a Reggio Calabria stamattina alle 13, dopo una tappa forzata a Rosarno (dove sono giunto verso le 3 stamattina e dove ho pernottato).

Tutti penserebbero che la colpa sia da attribuire al traffico. Peccato che di mezzo ci sia stata l’a3 ed il fatto che il tratto da Cosenza a Lamezia Terme (più o meno) fosse chiuso per non si sa quale oscura ragione.

A3 Salerno Reggio Calabria con deviazione a cosenza sulla SS107

In rosso vedete il tratto che si dovrebbe percorrere, in blu, quello effettivamente percorso. Siamo dovuti salire in montagna fino a Paola, per poi riscendere fino a San Lucido ed Amantea per riprendere l’autostrada.

Tralascio quello che ho visto: camion che sorpassavano in piena notte su doppia striscia continua su strada a doppio senso di marcia, strade senza alcun tipo di indicazione, incroci a raso non indicati. Una follìa farle percorrere.

Related Posts:

Aldo Brancher invoca il legittimo impedimento

Giorni fa, quando ancora nessun quotidiano nazionale (ad esclusione di TgCom) aveva diffuso la notizia della nomina di un nuovo ministro, su questo blog si ipotizzava che Aldo Brancher fosse stato nominato con il solo scopo di garantirgli il legittimo impedimento per i processi in corso.

A pensar male si fa peccato, ma quasi sempre si indovina.

ps: Certo che se avessi la stessa abilità ad indovinare i risultati delle partite di calcio, oggi sarei miliardario!

Related Posts:

Il fatto quotidiano irraggiungibile

Come nelle migliori tradizioni informatiche italiane, anche “Il fatto” cade nella trappola del non aver saputo valutare correttamente lo startup – per cui il sito è attualmente irraggiungibile.

L’avviso, laconico, afferma che:

Centinaia di migliaia di accessi ci hanno mandato in tilt.
I nostri tecnici stanno lavorando. Incrociamo le dita, ci vediamo tra poco.

L’informatica è una scienza esatta, c’è poco da incrociare le dita.

Related Posts:

Aldo Brancher: nuovo ministro con delega attuazione Federalismo

Leggo su TgCom (e non su altri quotidiani online) che Berlusconi abbia nominato un nuovo ministro.
Senza portafoglio, pare abbia la delega al Federalismo.

Scopro su wikipedia su Aldo Brancher:

La carriera politica è iniziata nel 1999 dopo una collaborazione come dirigente del gruppo Fininvest a partire dal 1982.

Detenuto per 3 mesi nel carcere di San Vittore, fu uno dei pochissimi inquisiti di Mani pulite a ricevere solidarietà dall’ambiente esterno: lo rivelò il suo datore di lavoro Silvio Berlusconi raccontando che “quando il nostro collaboratore Brancher era a San Vittore, io e Confalonieri giravamo intorno al carcere in automobile: volevamo metterci in comunicazione con lui”.

Scarcerato per decorrenza dei termini di custodia cautelare, è stato condannato con giudizio di primo grado e in appello per falso in bilancio e finanziamento illecito al Partito Socialista Italiano. Brancher non verrà condannato in Cassazione grazie alla prescrizione per il secondo reato e alla depenalizzazione del primo da parte del governo Berlusconi, del quale faceva parte.

Viene indagato a Milano per ricettazione nell’indagine sullo scandalo della Banca Antonveneta e la scalata di Gianpiero Fiorani all’istituto creditizio: la Procura ha rintracciato, presso la Banca Popolare di Lodi, un conto intestato alla moglie di Brancher con un affidamento e una plusvalenza sicura di 300mila euro in due anni.

Un altro cui fare il favore del legittimo impedimento.
Continuiamo così

Related Posts:

Mondiali 2010: L’ernia di Buffon

Mentre ero a Bologna, ho sentito che forse Buffon ha terminato i mondiali a causa di un’ernia al disco (motivo per cui, è stato sostituito durante la prima partita dell’Italia).

Ora, io non sono medico, ma che io sappia un’ernia al disco non ti viene dall’oggi al domani. Quindi mi chiedo: perchè convocare gente che sta fisicamente messa male (vedi anche Pirlo), invece di dare spazio ad altri?

Oramai le scelte sono fatte e forse ha poco senso lamentarsi, però la rabbia è tanta

Related Posts:

Mondiali 2010: la prima dell’Italia

Ciò che mi resta della partita di ieri sera è la dimostrazione, per l’ennesima volta, del livello infimo del nostro giornalisto.
Non è una novità che il commento di bagni rasenti il ridicolo (dovrebbe spiegarmi perchè, mentre gioisco per il gol del pareggio, mi ricorda della gomitata di 4 anni fa) …

Però mi chiedo: ma se vi lamentate di Argentina ed Inghilterra che secondo voi avrebbero fatto prestazioni indecorose, perchè devo avere fiducia in una squadra che non è riuscita a fare un tiro in porta (se non verso la fine e sotto 1-0) ?

E soprattutto, ma che me ne fotte ad un mondiale che i padani tifano contro l’italia.

Related Posts:

Peppe Valarioti 30 anni dopo

11 giugno 1980, Peppe Valarioti fu ucciso durante i festeggiamenti per la vittoria in campagna elettorale – a distanza di 30 anni, ovviamente, non esiste un colpevole.

A distanza di 30 anni, in Calabria poco è cambiato.

Related Posts:

Tessera del tifoso a pagamento

Qualcuno, recentemente, mi ha fatto notare che la tessera del tifoso sia a pagamento.

Decido quindi di farmi un giro sui siti delle prime 4 classificate nel campionato italiano appena terminato (più la Juventus, per la sua storia e per essere l’unica attualmente a possedere uno stato di proprietà) , al fine di reperire maggiori informazioni in merito.

Il sito dell’Inter, tra le 5, è quello che rende più facile la consultazione delle informazioni sulla tessera del tifoso. Non parla dei costi, ma la promuove anche come carta di credito Mastercard ricaricabile ( !!! ). La società Inter specifica, inoltre, che la tessera del tifoso sostituirà in toto l’abbonamento per la stagione 2010/ 2011, promettendo un accesso allo stadio più veloce (senza, ovviamente, spiegare come avrebbero intenzione di farlo).

Il sito della Roma (scandaloso), non ne parla affatto. Sono stato costretto a trovare la pagina tramite google: ma in questo caso, come anche nei siti delle altre squadre di calcio, non si va oltre un laconico comunicato stampa.

Il sito del Milan, nasconde il nome “Tessera del tifoso” con “Cuore Rossonero”, camuffando tale tessera come una normale carta bancomat.

Il sito della Sampdoria specifica che il costo della tessera del tifoso è gratuito, a patto di sottoscrivere l’abbonamento, mentre i tempi di rilascio (unica a specificarli) sono pari a 50/60 giorni ( !!! ). Si spiega anche che, senza la tessera del tifoso (altresì detta Samp Card) non sarà possibile accedere al settore ospiti.

Il sito della Juventus, chiama la tessera del tifoso, “Stadium Member”, sebbene sia specificato a chiare lettere che ad oggi non è possibile sottoscriverla. La società afferma che diramerà presto le modalità per sottoscriverla per la stagione 2011. La Juventus è l’unica società a specificare chiaramente che il costo della tessera è di 10 euro, a meno che non si sottoscriva l’abbonamento; in quest’ultimo caso, il costo promozionale è di 5 euro.

Quindi, in sintesi, tralasciando l’inutilità della tessera del tifoso e il fatto che, ad oggi, nessuno ha ancora risposto al mio post, dove chiedevo se esistesse qualcuno a favore di questo strumento, la domanda che mi pongo è: chi ci guadagna?

In tutti i siti sopra elencati, si pone molta enfasi sul fatto che la tessera del tifoso sia anche e soprattutto una carta di credito ricaricabile. Per cui, a primo acchitto, a guadagnarci pare saranno le banche che si troveranno una montagna di liquidità a disposizione da re-investire a scopo di lucro.

Altre idee?

Related Posts:

Trapianti leghisti

To our knowledge, this is the first time that a political institution, such as the Veneto region, states that people with MR should not have access to solid-organs transplantation.

The United Nations Organization in its ‘Convention on the Rights of Persons with Disabilities and Optional Protocol’ indicates that ‘States Parties recognize that persons with disabilities have the right to the enjoyment of the highest attainable standard of health without discrimination on the basis of disability

Dell’American Journal of Transplantation non ne conoscevo l’esistenza, prima che se ne riferisse Concita De Gregorio sul suo blog.

Da quanto leggo sul loro sito, si tratta di una rivista scientifica (a pagamento) specialistica nel settore dei trapianti di organi. Girovagando su internet sono riuscito a reperire il pdf dell’articolo (che avrei in alternativa dovuto acquistare).

A livello di scelte etiche, e non solo, questo paese è spesso arretrato arroventandosi in spinose polemiche che, quasi sempre, terminano con l’accettare il diktat della chiesa cattolica (assunta a detentrice della verità morale assoluta).

Non voglio entrare nel merito della questione, sebbene lo abbia già fatto tra le righe. Tengo solo a sottolineare che devono essere gli americani a farci ricordare gli articoli della nostra Costituzione:


In Italy, the Constitution (article 32) declares that ‘the Italian Republic protects the health as a fundamental right of each singleman/woman and of the community’.

Related Posts:

Fluent NHibernate mapping exception: Association references unmapped class

Ieri ho perso metà pomeriggio di lavoro per una mia non conoscenza del mapping delle Entity in Fluent NHibernate.

L’eccezione lanciata da NHibernate:

1
Association references unmapped class: YourClass

Il mapping delle mie Entity avviene tramite un metoto CreateSessionFactory:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
 
FluentNHibernate.Cfg.Fluently.Configure()
  .Database
    (
      FluentNHibernate.Cfg.Db.MsSqlConfiguration.MsSql2008
        .ConnectionString(
          c => c.Server(DbConnectionValue.Server)
                    .Username(DbConnectionValue.User)
                    .Password(DbConnectionValue.Password)
                    .Database(DbConnectionValue.Database)
          )
        .ProxyFactoryFactory("
NHibernate.ByteCode.LinFu.ProxyFactoryFactory
,NHibernate.ByteCode.LinFu")
  )
  .Mappings
  (
    m => m.FluentMappings
.AddFromAssemblyOf<OneClass.Of.My.Repository>()
  )
  .BuildSessionFactory();

Bisogna fare attenzione che esistono 2 regole affinchè si possa correttamente caricare il mapping di Entity caricate tramite il metodo AddFromAssemblyOf:

1. dichiarare sempre public le classi di mapping;
2. definire sempre le proprietà Id;

Related Posts:

La raccolta della spazzatura a Roma

Stamattina mi chiedevo per quale oscura ragione, l’AMA decida di effettuare la raccolta della spazzatura in zona Tiburtina tra le ore 8 e le ore 9 della mattina.

Non ho ancora trovato risposta alla mia domanda.

Related Posts: