Google+: prime impressioni su Google Plus

La scorsa settimana ho avuto modo di ricevere un invito al nuovo social network di Google: google+ (google plus).

Google Plus: pagina profilo di Francesco Biacca

E’ ancora molto spartano rispetto a prodotti più evoluti come Facebook; sicuramente, però, ha delle notevoli potenzialità di crescita.
L’approccio comunicativo è profondamente diverso (ma dedicherò a questo aspetto un post a parte) dai social network cui siamo abituati.
La novità più importante è senza ombra di dubbio l’introduzione del concetto di “Circles”, dei micro-gruppi ai quali è possibile indirizzare la propria comunicazione in modo selettivo.

Al contrario di Facebook, c’è un uso smodato di effetti grafici che colpiscono: in primis, la possibilità di aggiungere utenti ai Circles tramite drag&drop (ed è bellissimo l’effetto che viene eseguito una volta che l’utente vi rientra). C’è sicuramente un approccio molto più spinto verso le foto, che vengono presentate con una risoluzione di molto superiore al mondo di Facebook.

Allo stato attuale è ancora chiuso, nel senso che non è possibile invitare persone (google apre i rubinetti spot durante la giornata) – può essere una scelta positiva o meno (ad esempio ha decretato la morte di Wave, assieme ad altri mille motivi) – lo vedremo solo con il passare del tempo.

Per ora, il mio giudizio è sicuramente positivo. Come scrissi tempo fa, su Facebook sento notevolmente la mancanza di un approccio comunicativo di qualità, al contrario di quanto invece riscontro su Twitter (che è molto più calzato sulla mia volontà di comunicare con gli altri).

Related Posts:

  • Anch’io sono stato inviato, proprio questa mattina, da un’amica, su Google+.
    Non lo so diffido un pò, anche se non l’ho girato in dettaglio come te.
    Diciamo che FB non mi ha mai attirato più di tanto, ed infatti credo di essere uno dei pochi che ancora non è iscritto al social network. Per cui anche Google+ non ha destato più di tanto la mia attenzione.

    Invece concordo di più sulla valutazione riguardo Twitter, che trovo molto più comunicativo o meglio, che lascia molta più espressione all’utente che vuole comunicare qualcosa.

    Luca Tescione

  • Mi sono iscritto oggi pomeriggio, e ho subito apprezzato Google + per i Circle di cui parli tu, si possono filtrare cosi i contenuti e contestualizzare alcune cose. Si possono condividere info con le persone senza finire a spammare altre. Se posto commendi sul design di sicuro interesso alcune persone ma ad altre magari le annoio, e viceversa se posto foto della festa di tizio, non è detto che alla cerchia di chi lavora con me possa interessare.

    Graficamente è avanti, di sicuro, e visto il potenziale di Google non posso non aspettarmi un fottio di miglioramenti quanto prima.

    Per me, per adesso, pollice su

  • Pingback: Google plus: gestione perversa della privacy()