Considerazioni sparse su Italia-Serbia (3): i giornalisti RAI

Da dove iniziare?
Forse dall’aver pensato che il gesto del 3 volesse significare perdere 3 a 0 a tavolino, quando invece bastava andare su wikipedia (ed in questo mi trovo d’accordo, per una volta con aldo grasso) per evitare pessime figure.

O forse, dall’aver incitato l’inviato a bordo campo a sfondare il cordone di sicurezza per capire cosa si stessero dicendo i delegati uefa?

O forse ancora, dall’aver inventato la storia che la partita non fosse ancora sospesa (quando lo stadio era già completamente vuoto) solo ed esclusivamente per aspettare che succedesse il fattaccio per poter fare lo scoop (tanto che mazzocchi afferma ‘teniamo la diretta’)?

O forse, dall’aver litigato con il responsabile sicurezza a seguito della nazionale italiana, cercando di difendere le affermazioni di cui sopra?

ridicoli!

Related Posts:

Considerazioni sparse su Italia-Serbia (2): i giocatori serbi

Sui fatti di genova, pesa come un macigno anche la posizione assunta dai giocatori serbi (in primis stankovic, non solo perchè forse il più noto ai tifosi italiani ma anche per essere stato in prima fila).

Andare sotto la curva e fare il gesto del 3 (che ovviamente non voleva significare perdere 3a0 a tavolino, come qualche ignorante ha riferito in diretta nazionale) è equiparabile ad un di canio che, sotto la curva dei laziali, fa il saluto romano.

Non credo sia un gesto educativo, sempre che si voglia continuare a parlare, ipocritamente, di fornire segnali buonisti alle nuove generazioni.

Se vuoi veramente calmare i tifosi, non aspetti una buona mezzora prima di andare sotto la curva, non gli fai il saluto nazionalista e poi te ne vai dall’altra parte del campo. C’erano tante altre strade da seguire, ma forse a ben vedere i serbi sono molto più simili tra loro di quanto non si possa pensare 🙂

Related Posts:

Considerazioni sparse su Italia-Serbia (1): lo stato italiano

Volutamente, sono passati un paio di giorni prima che io scrivessi qualcosa relativamente ai fatti di Italia-Serbia. Essendo coinvolto emotivamente con le questioni legate allo stadio, non volevo essere trascinato dall’emotività nelle mie considerazioni.

Dividerei i fatti in 3 aree (e quindi 3 post): stato italiano, giocatori serbi, giornalisti RAI.

Lo stato italiano ha più colpe in tutta questa faccenda.
Non è ammissibile limitare la libertà delle persone/tifosi nell’andare allo stadio a meno di avere la tessera del tifoso, e poi consentire ad una manica di teppisti di entrarci senza essere perquisiti.

Non è ammissibile che si devasti una città e non si arrestino i fautori di tali distruzioni e, in più, gli si consenta anche di andare allo stadio.

Non è ammissibile che una qualsiasi persona possa stare oltre 20 minuti seduta su una balaustra a tagliare la rete metallica del settore ospiti con una tronchese e nessuno faccia niente – in altre situazioni, trasferte varie a cui ho partecipato, i poliziotti non hanno esitato a caricare (in primis le ragazze) – ma, forse gli slavi fanno più paura.

In aggiunta, ci stiamo facendo prendere per il culo dal governo serbo ma, questo, forse è anche quasi scontato visto che siamo governati da politici ridicoli.

Se i serbi fossero arrivati in forze, il giorno dopo ci saremmo potuti svegliare con le loro bandiere issate sui nostri palazzi istituzionali 😉

Ieri sera, poi, mi è capitato purtroppo di vedere uno spezzone di porta a porta dove erano presenti maroni e veltroni (tra gli altri). Il ragionamento del ministro, a spiegazione di quello che è successo, era fondamentalmente legato al fatto che lo stadio di genova non possedesse le zone di pre-filtraggio per cui, implicitamente, se ne deduce che marassi non sia a norma di legge.
Com’è possibile, quindi, che si giochino partite di campionato e partite internazionali?

Si parla tanto di tornelli, biglietti nominativi, tessera del tifoso quando, in realtà, la questione è una sola: le leggi si devono far rispettare anche di fronte a perdite pecuniarie enormi

Related Posts:

Tessera del tifoso a pagamento

Qualcuno, recentemente, mi ha fatto notare che la tessera del tifoso sia a pagamento.

Decido quindi di farmi un giro sui siti delle prime 4 classificate nel campionato italiano appena terminato (più la Juventus, per la sua storia e per essere l’unica attualmente a possedere uno stato di proprietà) , al fine di reperire maggiori informazioni in merito.

Il sito dell’Inter, tra le 5, è quello che rende più facile la consultazione delle informazioni sulla tessera del tifoso. Non parla dei costi, ma la promuove anche come carta di credito Mastercard ricaricabile ( !!! ). La società Inter specifica, inoltre, che la tessera del tifoso sostituirà in toto l’abbonamento per la stagione 2010/ 2011, promettendo un accesso allo stadio più veloce (senza, ovviamente, spiegare come avrebbero intenzione di farlo).

Il sito della Roma (scandaloso), non ne parla affatto. Sono stato costretto a trovare la pagina tramite google: ma in questo caso, come anche nei siti delle altre squadre di calcio, non si va oltre un laconico comunicato stampa.

Il sito del Milan, nasconde il nome “Tessera del tifoso” con “Cuore Rossonero”, camuffando tale tessera come una normale carta bancomat.

Il sito della Sampdoria specifica che il costo della tessera del tifoso è gratuito, a patto di sottoscrivere l’abbonamento, mentre i tempi di rilascio (unica a specificarli) sono pari a 50/60 giorni ( !!! ). Si spiega anche che, senza la tessera del tifoso (altresì detta Samp Card) non sarà possibile accedere al settore ospiti.

Il sito della Juventus, chiama la tessera del tifoso, “Stadium Member”, sebbene sia specificato a chiare lettere che ad oggi non è possibile sottoscriverla. La società afferma che diramerà presto le modalità per sottoscriverla per la stagione 2011. La Juventus è l’unica società a specificare chiaramente che il costo della tessera è di 10 euro, a meno che non si sottoscriva l’abbonamento; in quest’ultimo caso, il costo promozionale è di 5 euro.

Quindi, in sintesi, tralasciando l’inutilità della tessera del tifoso e il fatto che, ad oggi, nessuno ha ancora risposto al mio post, dove chiedevo se esistesse qualcuno a favore di questo strumento, la domanda che mi pongo è: chi ci guadagna?

In tutti i siti sopra elencati, si pone molta enfasi sul fatto che la tessera del tifoso sia anche e soprattutto una carta di credito ricaricabile. Per cui, a primo acchitto, a guadagnarci pare saranno le banche che si troveranno una montagna di liquidità a disposizione da re-investire a scopo di lucro.

Altre idee?

Related Posts:

La tessera del tifoso

Che la tessera del tifoso sia uno strumento inutile, che ci riporta ad un’epoca in cui tutte le persone venivano schedate (pubblicamente), probabilmente anche in assenza di prove precise, beh, è un fatto assodato.

Mi chiedo però: c’è qualcuno che è d’accordo? vorrei proprio capirne le ragioni.

Related Posts:

Mancini se ne va …

“Mancini? come Herrera, se ne andrà quando vorrà” … così parlo l’uomo onesto, presidente e proprietario dei più onesti tra gli onesti …

Se ne va da perdente: perdente, sì! Perchè da quando è all’Inter cosa avrebbe vinto? Due scudetti? mah, uno regalato (e forse gli verrà tolto), l’altro vinto contro niente e nessuno …

e poi: perchè dirlo ora? Semplicemente perchè dietro ha una dirigenza ridicola e lui è una persona ridicola, oltre che presuntuosa … se proprio te ne vuoi andare, caro mio, dillo a fine stagione, non quando devi ancora vincere lo scudetto.

Voleva la serata perfetta e invece la squadra è scesa in campo in condizioni pietose senza una vera voglia di vincere (ma daltronde, gente come Ibrahimovic, da tutti definito un campione, nelle occasioni importanti improvvisamente scompare) … Voleva 80mila tifosi assatanati .. gli 80mila c’erano, ma il tifo è stato più che mediocre – altro che bolgia!!

In tutto ciò, ci sono 4 inglesi ai quarti e una sola italiana .. sintomo della mediocrità raggiunta dal nostro campionato (anche grazie a Inter, Juve e Milan) …

Related Posts:

Inter-Reggina: Regali alla festa dei 100 anni

Inter-Reggina:Valdez su Cambiasso

Volevo evidenziare la gamba di Valdez, ma mi sembra tanto chiaro che sia fuori dall’area, che ho pensato: “Nemmeno uno ciecato non lo vedrebbe” ..

Questo è uno dei tipici regali fatti alla Juve di Moggi ieri e all’inter dell’uomo per bene (aka Massimo Moratti) di oggi.
Chissà dov’è finito quel simpaticone di Mancini e tutti i suoi teatrini sugli arbitri.

La juve di ieri non aveva bisogno di aiuti arbitrali – hanno dimostrato che comunque li otteneva. Serie B.
L’inter di oggi non ha bisogno di aiuti arbitrali – eppure ce li ha, ed anche grossi (vedi rigore contro l’Empoli, vedi rigore con la Reggina, vedi non espulsione di Vieira per fallo su Tognozzi, con conseguente rottura della gamba, sanzionato col solo cartellino giallo).

Me la prendo? SI, si me la prendo perchè vengo preso per il culo pure dai telecronisti di sky – bergomi in primis. E’ scandaloso: pago 45 euro al mese per vedere il calcio e sento degli scempi assurdi. Per i 10minuti successivi all’episodio in questione, per i due fenomeni di telecronisti non era rigore. Poi improvvisamente si insinua un dubbio (ma come, gli arbitri aiutano l’inter? tornate sulla retta via miei schiavi) … il dubbio diventa un “forse c’era rigore”, tramutatosi poi, all’inizio del secondo tempo, in un “era rigore” .. ah come cambiano le cose .. VERGOGNATEVI …

scriverò a sky e chiederò di togliere bergomi dalle partite dell’inter .. e credo che gli amici romanisti sarebbero pure daccordo. Alla fine sky campa anche grazie ai soldi degli abbonati .. se non sono contento di un servizio, dovete modificare quest’ultmo in funzione della mia felicità.

ps: Foti non ha scritto una lettera all’AIA, perchè NOI non siamo la JUVE .. NOI non piangiamo, perchè NOI subiamo dal primo secondo di serie A (e in 8 anni, di secondi, ne son passati parecchi).

Related Posts:

A 100 anni si perdono colpi …

Che chi festeggia e chi, invece, perde colpi.

Sostiene Moratti che:

L’Inter è considerata nel mondo la squadra più prestigiosa di Milano, non solo per quello che ha vinto, ma anche perché non ha mai avuto problemi con la giustizia.
Le persone che hanno lavorato con me non hanno mai tentato di fare i furbi o di conquistare gli arbitri e la vergogna di doversi difendere da situazioni deprecabili è una cosa antipatica per la storia di una società. Mi auguro che all’Inter non succederà mai, come mai è successo finora. D’altronde a noi non è mai capitato di andare in serie B…

Sull’essere la squadra più prestigiosa di Milano, credo che le 7 Coppa dei Campioni del Milan parlino da sole .. Sul fatto di essere onesti .. beh forse il signorino di casa Moratti dimentica i passaporti falsi, le plusvalenze cadute nel dimenticatoio, l’aver fatto seguire un giocatore dagli sgherri del suo socio in malaffari Tronchetti Provera … volete continuare voi?

Related Posts:

Zamparini scriva alla FIGC e all’AIA

Visto che va di moda scrivere alla FIGC ed alla AIA, fossi in Zamparini scriverei per protestare e chiedere una FORTE PRESA DI COSCIENZA. Mi fa sorridere che se lo stesso rigore non fischiato ad Amauri, l’avessero non fischiato al Milan sarebbe successo il finimondo. Invece il commento più buono che ho sentito è stato: “Poteva starci” …

ps: grazie al clima molto disteso inaugurato da Mancini, gli arbitri hanno palesemente paura di fischiare i rigori – per cui ci ritroviamo una classe di persone che vanno in campo e che sanno già che verranno massacrate la domenica o il lunedì successivo. Viva il fair play!!

Related Posts:

Reggina – Juventus: GODO

Si – GODO

Una soddisfazione del genere, calcisticamente parlando, credo di non provarla dal derby vinto in casa nel 2007.

Si lamentano dei rigori gli juventini .. beh ora capiscono cosa proviamo noi tifosi delle “piccole”. Anni ed anni di piccoli falli a centrocampo mai fischiati, grandi rigori non dati … Adesso anche loro, le sette sorelle, sono nel turbine della polemica e della moviola!!

La differenza tra noi piccole e loro, è che NOI non abbiamo MAI scritto una letterina di protesta alla FIGC … MAI. Ci siamo sempre stati zitti e siamo andati avanti a testa bassa.

Concordo pienamente con Peppe, “ci sono delle cose che nella vita non si possono comprare” 😉

Related Posts:

della serie “do fastidio perchè attacco chi comanda … “

2-0 e tutti a casa, come 43 anni fa.

Ancora una volta in 10 – sarà un caso? O gli arbitri prima ti sfavoriscono, poi arbitrano bene (vedi catania-inter), poi cos’altro? Oggi non ci si lamenta degli arbitri solo perchè sei in Europa?

Vincere ci sta, soprattutto quando dimostri sul campo di essere nettamente il più forte. Però bisogna “saper” vincere.
Oggi una bella lavata di campo, speriamo imparino.

YOU’LL NEVER WALK ALONE

Aggiornamento: traggo dal sito della UEFA un interessante spunto, relativo alle statistiche di Liverpool – Inter:

  Liverpool – Inter  
2 Reti fatte 0
0 Cartellino giallo 3
0 Cartellino rosso 1
7 Tiri in porta 0
11 Tiri fuori 3
18 Falli commessi 18
10 Calci d’angolo 1
1 Fuorigioco 3
37′ 25” Poss. palla 17′ 22”
68% Poss. palla (%) 32%

A parte gli 11 tiri fuori dallo specchio, contro i 3 dell’Inter, ciò che impressiona sono i 7 tiri in porta del Liverpool (contro ZERO) e il 68% di controllo palla – il che vuol dire che praticamente ha giocato solo ed esclusivamente il Liverpool.

Della serie “mi faccio amare”, ecco le dichiarazioni di Mancini di ritono in Italia:

I tifosi però non sono sembrati dello stesso avviso del loro presidente e all’aereoporto hanno contestano abbastanza duramente la squadra e l’allenatore invitandoli ad “andare a lavorare”, contestazioni che hanno provocato la reazione stizzita di Mancini, il quale ha replicato di “pensare a tifare”.

(via calcioblog)

Related Posts:

Novità sull’omicidio Sandri

Leggo che il colpo di pistola che ha ucciso Gabriele Sandri è stato deviato da una rete metallica.
Leggo della positività dell’avvocato difensore.

Personalmente provo uno schifo mai visto … Ma effettivamente c’è di mezzo un poliziotto, per cui non c’è poi tanto da stupirsi (ricordate il G8?).

Provo uno schifo incredibile, perchè da quando qualcuno (non si sa bene chi) ha ucciso l’ispettore Raciti, i giornalisti ci hanno fornito qualsiasi tipo di informazione riguardo il ragazzo catanese accusato, arrestato e poi rilasciato. Abbiamo le foto; sappiamo molto della sua vita passata e purtroppo immaginiamo che la sua vita sia stata rovinata.

Relativamente all’omicidio di Gabriele Sandri, i giornalisti ci hanno semplicemente detto il nome del poliziotto; non si hanno foto, non si sa che fine abbia fatto il personaggio in questione.

Ieri se ne escono che il colpo è stato deviato da una rete metallica. E dovrebbe essere un fatto positivo? Ma stiamo scherzando? Ricordo a tutti, qualora ce ne fosse bisogno, che questo pazzo ha sparato da una carreggiata all’altra di un’autostrada (con tanto di DUE testimoni oculari). E dovremmo dargli attenuanti per una perizia ??

Related Posts:

L’infortunio di Ronaldo

Stavo guardando Milan-Livorno .. brutta cosa .. brutto infortunio … non so se è più sfortunato o più rovinato dagli sponsor che lo hanno costretto a giocare tutta una serie di partite in condizioni improponibili (vedi la finale della Coppa del Mondo) …

Fossi in lui mi ritirerei e penserei a garantirmi di camminare da qui a 20anni .. con tutta quella massa muscolare non è un’impresa facile.

In bocca al lupo

Related Posts:

Calciopoli: quale verità?

Di calciopoli si è parlato in lungo e in largo. Scandali che hanno rovinato, ulteriormente e per quanto possibile, il calcio di oggi, ieri e forse anche quello di domani. Eppure, a distanza di due anni, ci ritroviamo qui a polemizzare su questo o quel rigore non dato; ci ritroviamo a polemizzare su questo o quel fuorigioco non dato.

Allora, forse, è il caso di ammettere che la verità sta nel mezzo.
Da una parte è vero – credo sia stato dimostrato ampiamente – che la juve di Moggi truccò e modificò non solo partite e campionati a suo piacimento, ma anche tutto ciò che viene definito in gergo “calciomercato” (avendo la GEA il monopolio su gran parte dei giocatori ed allenatori in attivitià).

E’ anche vero che storicamente le “grandi” godono di certi favori che le “piccole” raramente vedono. Sarà che fanno girare più soldi, sarà che pagano sottobanco qualcuno, non lo so .. la verità, e la ripeto da una vita intera, è che le grandi sono aiutate regolarmente. Oggi ci si lamenta dell’Inter, come ieri ci si lamentava della Juve.

Mi fa strano che oggi l’Inter, pur avendo una squadra nettamente più forte delle altre 19, si ritrovi nella stessa situazione della Juve di qualche anno fa. Pur non avendo bisogno di favori, li riceve. E pur non avendo bisogno di aiuti per vincere, è grazie a questi aiuti che riesce a risolvere partite che altrimenti finirebbero in altro modo (vedi Catania, vedi Empoli).

Dubito che qualcosa possa realmente cambiare – se tutto è governato dal dio danaro, allora forse redistribuendo a dovere i proventi del calcio di oggi, quello di domani sarà un calcio migliore. Forse più soldi alle piccole, vorranno dire più potere alle maltrattate squadre di provincia e meno aiuti alle sette sorelle … la speranza è pur sempre l’ultima a morire, no??

Related Posts:

Il debito dell’Inter

Stavo leggendo l’articolo stamattina in macchina, mentre facevo ritorno a Bologna. Adesso leggo anche su calcioblog che, in base ad una classifica stilata da repubblica, pare che l’inter abbia “solo” 206 milioni di EURO di debiti. Pare inoltre che il presidente Moratti abbia staccato un assegno da 105milioni.

Se la matematica non è un’opinione, mancherebbero “solo” 101 milioni di euro all’appello .. dove sono?

A parte l’articolo di Repubblica, è passato tutto sotto silenzio. Normale? Come è possibile che le società di calcio continuino ad essere le uniche spa italiane a poter avere centinaia di milioni di debiti senza fallire? Non esiste alcun controllo? La covisoc che fa? E soprattutto: che fine ha fatto la storia delle plusvalenze inter-milan?

Related Posts:

La trasferta di Parma

Lasciamo stare ogni commento sulla partita: ho preso troppi gol e soprattutto troppo freddo per scriverli.

Volevo solo fare due osservazioni.
1) Com’è possibile che lo stadio di Parma sia ancora nelle stesse condizioni dell’anno scorso? Il riferimento ai tornelli è palese: a tuttoggi i tornelli a Parma non funzionano – sono rotti (credo), fatto sta che entri senza il loro consenso. Mi chiedo come possa lo stadio essere a norma;

2) Piccola novità per i trasferitisti: a Parma siamo stati accolti da un elenco cartaceo, in possesso degli steward, con la lista di tutti coloro i quali avevano comprato il biglietto. Se prima lo si sospettava, ora lo sappiamo: siamo schedati! Mi chiedo solo quanto sia legale farlo …

Related Posts:

La violenza negli stadi: l’esempio della Fiorentina e … Cassano

Ieri credo di aver assistito ad un evento unico nel panorama calcistico italiano .. In tanti anni che seguo il calcio, non mi era mai capitato di assistere ad un minuto di silenzio come quello osservato dai tifosi viola, in ricordo della moglie di Prandelli, scomparsa recentemente. Spero vivamente che venga seguito da tutti quelli che da anni si limitano ad applaudire invece che stare in rigoroso silenzio – personalmente non ho mai capito questa usanza.

In più un elogio alla dirigenza della Fiorentina per aver imposto ai suoi giocatori di attendere quelli dell’Inter a fine gara per dar loro la mano. Dimostrazione, questa, che quando ci sono le intenzioni per avere un calcio più sano e pulito, si può davvero fare di tutto.

Ma chiaramente le mele marce ci sono ovunque – e mi riferisco a quel geniaccio di Cassano. Ecco cosa è successo: durante la partita con la Reggina di sabato, si verifica un’ipotetica situazione di rigore (non dato). Lui inizia ad inveire contro il guardalinee (pratica abbastanza comune tra i giocatori della serie A), dopodichè per non si capisce quale motivo inizia a mandare a quel paese (con toni pesanti) l’allenatore della Reggina, nonchè presidente dell’associazione allenatori. Ora, posto che i giocatori devono rispettare gli allenatori a prescindere da quello che succede – e questa è una regola universale! – posto che non si capisce perchè l’arbitro abbia espulso ulivieri mentre cassano bellamente se la rideva prendendo in giro clamorosamente tutti i tifosi reggini e non (personalmente mi ha fatto alterare tantissimo). Ma la cosa veramente scandalosa è che nel dopopartita, intervistato su sky, abbia ammesso di NON aver detto NULLA (con il sottofondo audio del commentatore che invece sosteneva il contrario).

Prego guardare cosa afferma al 2° minuto di questo video (tralasciate vi prego l’italiano di questo cristiano, a me dava l’impressione di essere uno straniero, ma tant’è che purtroppo o per fortuna è il più grosso talento – inespresso – che l’Italia abbia avuto dai tempi di Rivera):

"Il motivo? Non ho detto niente io .." MA COSA TI RIDI?? mah!!

Prego ora guardare il labiale sempre di Cassano, rivolto ad Ulivieri (secondi 28 del video):

Testualmente mi pare di capire "VA-FFAN-CU-LO" .. no ma lui non ha detto nulla! ari-mah!
I giocatori devono essere un esempio SEMPRE e comunque, la lega deve intervenire .. questo perchè se fosse successo contro una delle 4 sorelle, sai che putiferio? Il calcio è un mondo orribile … fa sempre più skyfo …

ps: peccato che chi monta i video dei diversi contenitori calcistici, non abbia riportato l’intero siparietto .. perchè Cassano, di cose, ne ha dette ben altre! 🙂

Related Posts:

Un plauso alla polizia!

Parole necessarie .. per distendere il clima di elevatissima tensione che si è venuto a creare in seguito all’omicidio di Gabriele Sandri, erano necessarie frasi del genere (e non quelle sconclusionate del ministro amato o del questore di arezzo):

Gabriele Sandri è stato "vittima di una leggerezza imperdonabile" quindi questa vicenda chiede "una risposta tempestiva e trasparente". Inoltre, il fatto che la vittima avesse o meno una pietra in tasca "non cambia assolutamente le colpe della polizia"

Voglio fare un plauso, davvero accorato, al prefetto Manganelli, per queste sue parole. Era dal momento dell’uscita della notizia che mi chiedevo cosa c’entrasse sapere che il povero ragazzo ucciso avesse delle pietre in tasca. E mi chiedevo anche come sia possibile che questa notizia sia uscita solo ieri, quando l’omicidio è avvenuto domenica. Da qui deduco che il medico legale abbia controllato il giubbotto di Gabriele Sandri domenica stessa: per cui, cari giornalisti, siete stati tanto rapidi nel dare notizia (FALSA) di un ultras ucciso dalla polizia durante una collutazione, poi vi presentate in Chiesa, durante un funerale, con le telecamere nascoste ed infine aspettate giorni e giorni per pubblicare una notizia del genere, quasi a voler screditare o giustificare il gesto di un folle!

 

Related Posts:

Bell’esempio della politica …


Lo si capisce dai banchi dell’opposizione da dove piovono coriandoli di carta e fogli bianchi, urla e rabbia. E dalla foga con cui il senatore azzurro Viceconte cerca il contatto fisico con il senatore dell’Ulivo Mario Gasbarri, entrambi a mala pena trattenuti dai commessi.

Nella settimana che tutti ricorderemo per la morte di un ultras per mano di un poliziotto [folle], nella settimana del tanto parlare della violenza negli stadi, della violenza in generale, di forme repressive, di tessere del tifoso, è questo l’esempio che ci viene dato dalla politica!

Qualcuno tempo fa, al tempo di Beppe Grillo e del VDay, tempo oramai persosi nella notte dei tempi, lontano anni luce dalla mente di ognuno di noi, qualcuno disse che la politica altro non era che la rappresentazione di ciò che siamo .. se arrivano alle mani due senatori della repubblica, non credo poi possano avere l’onestà morale di mettere becco sull’argomento "violenza negli stadi".

ps: in tutto ciò è successo l’inevitabile, ciò che dopo la nascita del PD era praticamente nella testa di tutti, ma che si è realizzato grazie al sig. dini (perchè dargli dell’onorevole?), trasformista per eccellenza, ma soprattutto democristiano di vecchissimo stampo!! Ora, cari politici, come la mettiamo con gli elettori? Che truffa …

Related Posts:

I funerali di Gabriele Sandri

Oggi ci sono stati i funerali di Gabriele Sandri .. e tutto si è svolto in un clima surreale .. La piazza era gremita di Ultras provenienti da tutta Italia, personalità di gran parte del mondo politico e sportivo, da sottolineare la presenza di Totti, gesto di grande umanità ..

Devo ammettere di essermi profondamente commosso .. è stato davvero un mix di sensazioni strane .. pensandoci meglio potevo esserci io .. poteva benissimo succedermi in una delle domeniche in cui prendo la macchina per andare allo stadio … e tutto perchè un folle ha deciso di sparare sull’autostrada!!

E poi mi chiedo: ma il collega del poliziotto che ha sparato, perchè non è stato indagato? I 4 amici di Gabriele Sandri sono stati interrogati ed indagati per rissa, o un’accusa del genere … eppure l’altro poliziotto dovrebbe aver visto la scena ..

Mi ha anche fatto terribilmente rabbia vedere che gli operatori delle varie trasmissioni erano in chiesa con le telecamere nascoste .. che scandalo! Ma dov’è finita la privacy ed il rispetto per un morto in questo paese?

ps: un plauso a Matrix e La Russa per aver parlato in modo sensato di questo problema – che non è un problema del calcio, è un problema della  nostra società (ma questo merita un post a parte che scriverò nei prossimi giorni)

Related Posts:

Addio Gabriele

lettera_ultras.jpg

Ogni ultras è diverso. c’è quello che si muove solo col gruppo
e quello che fa gruppo per sè. Gli ultras sono diversi
ma li unisce l’amore per la propria squadra, la tenacia nel
resistere oltre 90 minuti in piedi sotto la pioggia o al freddo,
li unisce il riscaldarsi con un coro, cantato a squarciagola,
li unisce la sicurezza dell’amico che gli dorme accanto sul treno
che ti riporta dalla trasferta, li unisce la passeggiata goliardica
nella città avversaria, li unisce la gioia di partire per una trasferta
e la stanchezza del ritorno, li unisce quel panino diviso in
due dopo due ore di digiuno, li unisce quella sigaretta offerta
nello scompartimento e ridata in curva, l i unisce quella ligitaga
sull’esterno sinistro panchinaro fatta nella penombra di un treno
notturno, li unisce la mentalità. Le cose che ci uniscono,
contemporaneamente ci dividono dal mondo esterno, ci allontanano dai
genitori preoccupati, dagli zii scandalizzati, da compagni di classe
impauriti, da professori disgustati. L’ultras è l’eccezione alla regola,
è l’inaspettato che ti sorprende, è la sorpresa che ti smorza il sorriso
quando pensi di averla fatta franca. L’ultras è anche il braccio che
ti tira sul vagone prima che si chiudano le porte. L’ultras è questo
e molto altro, altri sentimenti non riconducibili in parole.

ciao Gabriele

un ragazzo della sud

(via repubblica.it)

Related Posts:

Le dichiarazioni di Cannavaro

Sono incazzato .. anzi no .. INCAZZATO!!

Ho appena letto le dichiarazioni di Cannavaro sul sito della gazzetta dello sport:


Così Fabio Cannavaro, dal ritiro della Nazionale a Coverciano, interviene sulla drammatica vicenda di domenica. Aggiungendo di ritenersi fortunato: "Sì, perchè gioco nel Real Madrid, una società che ha uno stadio perfetto, pieno di bambini, senza violenza. Dall’estero mi rendo conto della brutta immagine che dà di sé il calcio italiano. Non riusciamo a gestire lo sport più bello che abbiamo, non risuciamo a fermare i violenti. Ripeto, mi ritengo fortunato a giocare all’estero". Non si vergogna di essere italiano, ma quasi: "Ho provato fastidio, soprattutto vedendo le immagini terribili che arrivavano dai nostri stadi"

sinceramente sono tanto incazzato che non so da che parte iniziare ad attaccarlo .. ah forse si, forse è meglio ricordare che il signore qui sopra è campione del mondo con l’ITALIA, che ha vinto un pallone d’oro grazie all’ITALIA, che è diventato famoso grazie ai club ITALIANI …

MERCENARIO

ma stattene in spagna, fatti i tuoi soldi .. sei vecchio, un giocatore FINITO! .. spero vivamente che NESSUN presidente di serie A ti faccia MAI tornare in ITALIA … VERGOGNATI

ma come ti permetti dico IO!? COME??

Related Posts:

Osservatorio del viminale: tessera del tifoso

L’osservatorio ha deciso: niente più trasferte di massa!

L’obiettivo della misura, rileva l’Osservatorio, è quello di adottare provvedimenti "tesi ad indebolire ulteriormente la forza dei gruppi, che si manifesta prevalentemente in occasione delle trasferte".
La misura sarà mantenuta fino all’ adozione della ‘tessera del tifoso’, una sorta di carta che identifica l’appassionato. Il divieto delle trasferte di massa delle tifoserie violente sarà adottato mediante specifiche restrizioni da fissare di volta in volta dall’ Osservatorio, riguardanti sia il settore ospiti sia la vendita di tagliandi. L’obiettivo è rafforzare, spiega l’Osservatorio, "lo spirito della norma, sempre più spesso aggirato con l’acquisto on-line di biglietti a gruppo".

L’Osservatorio analizzerà ciascuna gara alla luce di queste disposizioni, valutando la possibilità di autorizzare le trasferte per quelle tifoserie che hanno dato prova di sportività e correttezza. Le procedure per l’adozione della ‘tessera del tifoso’, stabilisce l’organismo, dovranno essere snellite al massimo, "al fine di creare al più presto una nuova configurazione delle tifoserie, quali ufficiali rappresentanti delle rispettive squadre

Ci schedano: ed è ciò che mi viene in mente prima di ogni altra cosa. Lo Stato dopo aver invaso la città di telecamere, dopo averci schedato in tutti possibili ed inimmaginabili, istituisce un ulteriore passo che permetterà di seguire ogni singolo cittadino, tifoso, ogni qualvolta si recherà a manifestazioni sportive.

Rimango abbastanza perplesso sull’attuazione di questa decisione.
Innanzitutto vanno a vietare trasferte di massa: cosa vuol dire? Già oggi non si può partire dalla propria città senza avere a disposizione il biglietto per entrare allo stadio (almeno teoricamente). Chiaramente fatta la legge, trovato l’inganno: i tifosi iniziano a muoversi utilizzando mezzi propri e non i classici treni.

Da qui mi chiedo: come pensano di impedire spostamenti di massa? Che faranno, la domenica mattina ci sarà un tutore delle forze dell’ordine sotto casa di ogni singolo tifoso per impedirgli di uscire da casa e starsene seduto in poltrona ad ingrassare le vacche di sky?

Oggi è quasi assente un meccanismo unico per l’acquisto dei biglietti dello stadio. In alcune città è possibile acquistarlo online tramite i soliti noti (ticketone, listticket in testa), ma in altre (vedi siena), bisogna recarsi direttamente nella città ospitante per acquistare il biglietto.

E’ stata aggiunta una nuova norma che, come già i biglietti nominativi (la cui utilità è praticamente nulla), introdurrà un ulteriore difficoltà per i tifosi onesti. Che bello avrò un’altra tessera magnetica da mettere nel portafoglio e soprattutto sarà INUTILE!

Non sarebbe stato piuttosto il caso di fare in modo di far rispettare le leggi vigenti? Come farò per avere questa fantomatica tessera? Agevoleranno la mia voglia di andare allo stadio? Cancelleranno i settori ospiti?

Al momento non è dato saperlo …

update: Leggo ora su calcioblog che ci sarebbe la proposta da parte del ministro Melandri di femare il campionato per alcune settimane oltre che vietare le trasferte ai tifosi delle curve violente. Concordo al 100% con chi ha scritto il post su calcioblog: cosa c’entra vietare le trasferte? Ieri mi pare che gli atalantini giocassero in casa, così come i romani così come i tarantini .. E poi: se malauguratamente faccio parte di una curva violenta non posso andare in curva ospiti perchè chiusa? Questo vuol dire che mi spedirete o nella curva avversaria o, se il ministro me lo paga, in tribuna avversaria .. grazie ministro, ti ringrazio perchè credo che presto molte persone piangeranno i loro figli …
Non avete capito NULLA di questo problema e continuate a sfornare decisioni senza avere la minima idea dell’argomento!

update2: Leggo sul sito della gazzetta dello sport che attualmente è stato deciso di sospendere i campionati domenica prossima (in segno di lutto??) .. peccato che la serie A non giochi, per cui non andrete a scalfire i diritti tv e tutti dormiranno sonni tranquilli

update3: Il ministro alle 11 ha riferito in parlamento sui fatti di domenica. Non sto qui a riportare cosa abbia detto, per questo scopo esistono i giornali. Più che altro mi colpisce che l’aula era totalmente deserta. Segno, questo, che i politici continuano a non capire i problemi del paese; cosa faranno al prossimo morto?

Related Posts: