La due giorni di Rio (1)

Nell’intervallo di tempo durante il quale questo blog è rimasto oscurato (causa sostituzione firewall sulla macchina che offre l’ip pubblico al sottoscritto per far sì che questo blog venga pubblicato), sono successe tantissime cose.

Martedì mattina ho dato un esame – evento abbastanza importante per il sottoscritto, dopo mesi di latitanza dall’università. Una volta uscito dalla facoltà ed aver scoperto che il mio datore di lavoro era più contento di me dell’esame sostenuto, torno di frettissima a casa per poi dirigermi alla polizia municipale. Arrivo lì e scopro che avevano già chiuso (sigh!) … non mi restava che tornare a casa di corsissima per preparare il borsone e le ultime cose per poter prendere l’aereo delle 15.55 da bologna.

Giunto a casa, la decisione di quelle epocali: perchè copiare tutto su portatile quando posso fare un dvd?? Ma sì dai! Creo il dvd che, dopo esserci voluta una vita intera per masterizzarsi, si scopre non funzionare: non mi resta che copiare tutta questa montagna di roba sul laptop. ALT!! si mangia … la mia coinquilina aveva preparato le lasagne … come rifiutare?? Vai a tavola, siediti, mangia con gusto questo ben di dio, fatti un caffè e torna al pc … tra una cosa e l’altra si son fatte le 15 ed io ero ancora lì ad aspettare che finisse di trasferire tutti i dati dalla mia macchina di produzione al laptop … Non c’è più tempo: clicco su annulla e schizzo in macchina …

Via Todaro – Aeroporto : 12minuti netti (escluse soste ai semafori). Ovviamente tutti trascorsi con sorpassi non da poco ed inveendo contro tutti i guidatori che andavano a uno all’ora (chi non sapeva la strada – chi parlava al cel e si distraeva – chi andava proprio lento di suo)… Insomma al quaglio, giungo all’aeroporto alle 15:25 …

Related Posts:

  • Nessun post correlato