Saw II – La soluzione dell’enigma

 

Secondo capitolo del film che un anno fa mi fece uscire dal cinema choccato. Non avevo mai visto un thriller/horror che tenesse così alta la suspence fino alla fine; non avevo mai visto  un film con un finale così poco scontato.

Davanti all’uscita nelle sale di Saw2 ero abbastanza titubante e timoroso di rimanere deluso (solitamente tutti i sequel sono davvero pessimi). Ed invece con mio sommo stupore esco dal cinema scosso al punto giusto, choccato da ciò che ho visto e davvero in ansia aspettando il momento in cui potrò finalmente vedere Saw3.

Tutto inizia con la scoperta di un cadavere ucciso con il modus operandi tipico dell’Enigmista che si firma indicando esplicitamente il nome del detective che segue il suo caso. Riuscito a scoprire il suo nascondiglio, il detective Eric Mathews (Donnie Wahlberg) lo cattura anche troppo facilmente: ed in effetti è qui che inizia il vero "gioco". Difatti egli scopre alcuni monitor, dai quali è in grado di vedere una casa al cui interno sono rinchiusi 8 personaggi: Amanda, Xavier, Jonas, Laura, Daniel, Obi, Rigg e Addison

Tutti tra loro molto diversi, ma legati da un unico filo conduttore: colui che li ha arrestati, sporcando le prove.

Su un asse temporale parallelo a quello in cui si svolte il dialogo tra il poliziotto e JigSaw, si svolge la disperata ricerca dell’antidoto contro il sarin, gas velenoso che gli 8 protagonisti stanno respirando all’interno della casa.

Molto più crudo e violento del primo (basti pensare alle nuove trappole,tra le quali come non ricordare la scena in cui Amanda (ex eroinomane) cade in un buco pieno di siringhe, o quando Addison rimane con entrambe le mani incastrate in due tagliole); molto meno psicologico ma per certi versi molto più choccante.

Il regista ha dimostrato ancora una volta di essere un genio nel suo genere, riuscendo a far rimanere in piena suspence chi guarda il film fino alla fine, quando si scoprirà chi c’è dietro tutto il gioco e qual è il suo vero scopo, lasciandosi aperta la porta per una nuova saga di questo fortunato titolo.

Related Posts:

  • Nessun post correlato