Trenitalia: l’Alta Velocità di serie B

Lo scorso weekend ho avuto modo di testare la differenza tra un Eurostar “standard” ed un Eurostar Alta Velocità “Fast” sulla tratta Roma – Reggio Calabria.

Il viaggio d’andata, con Eurostar standard, parte da Roma Termini alle 13.45 per arrivare a Reggio Calabria alle 20.03, quindi circa 6 ore e 15 minuti.

Il viaggio di ritorno con Eurostar Fast, parte da Reggio Calabria alle 7.18 per arrivare a Roma Termini alle 12.30, quindi 5 ore e 12 minuti.

Il primo costa 63 euro, il secondo 70 euro: per cui la domanda da porsi è se ha senso spendere 7 euro in più.
Una prima analisi, fondata sulla sola tempistica di viaggio, porta a pensare che sia più conveniente l’Eurostar Fast.

Analizzando, però, il viaggio nel suo complesso non è poi così vero. Sebbene il design delle carrozze Fast sia più gradevole, il loro comfort è sicuramente peggiore a causa della scocca in plastica dura / vetroresina (o quale che sia il vero materiale utilizzato) che rende il sedile troppo duro per chi vuole schiacciare un pisolino.

Il problema più grave è da ricercarsi nello spazio per le valigie. La cappelliera sopra i posti a sedere è molto piccola, per cui non può ospitare un normale trolley che rispetti gli standard previsti per i viaggi in aereo. Non tutte le carrozze prevedono lo spazio per i bagagli all’ingresso delle stesse: in questi casi, esistono degli alloggiamenti all’interno della carrozza stessa, ma eccessivamente sotto dimensionati per il numero di persone a bordo.

Tralascio di commentare il servizio ristorante, perchè in entrambi i casi è scadente e costosissimo (un tubo di pringles di quelli piccoli, mini pringles, costa ben 2 euro).

Ciò che da fastidio è che per lo stesso numero di chilometri, l’Eurostar Fast da Roma Termini a Milano impiega meno di 3 ore, contro oltre il doppio nella tratta Roma Termini – Reggio Calabria. Questo conferma per l’ennesima volta che in questo paese esistono cittadini di serie A e cittadini di serie B, come a dire che i soldi delle persone che vivono al Nord siano diversi dai soldi delle persone che vivono al Sud.

Related Posts:

  • Nessun post correlato